Background Image

Luoghi della memoria della Grande Guerra



Il progetto

Le calamità naturali abbattutesi sulle montagne venete tra il 27 e il 30 ottobre 2018 e raccolte sotto il nome di “Tempesta Vaia” hanno pesantemente ferito il territorio. A distanza di oltre due anni, i segni del passaggio della violenta perturbazione sono ancora ben visibili, con montagne e valli in alcuni tratti praticamente irriconoscibili. Si stima che la tempesta abbia danneggiato più di quaranta mila ettari di superficie boschiva delle Alpi orientali. Il numero degli alberi schiantati, per lo più abete rosso, si avvicina ai quattordici milioni. Ma Vaia ha colpito anche case private, auto e capannoni, scoperchiati dalla furia del vento, ha eroso le sponde dei torrenti, ha provocato frane, ha abbattuto tralicci dell’alta tensione e teleferiche, ha divelto ponti e massicciate stradali.
Ci vorrà molto tempo per curare le ferite della montagna. Le immagini delle devastazioni ricordano, nella loro drammatica evidenza, per sorprendenti somiglianze, i luoghi della montagna veneta diventati scenari di guerra e devastati cent’anni prima dalla furia distruttiva dei combattimenti. Accostando le fotografie del fronte della Grande Guerra con quelle del passaggio della Tempesta Vaia emergono delle singolari analogie: singolare la coincidenza cronologica, singolare la somiglianza nei dettagli della devastazione: boschi distrutti, tronchi spezzati e divelti, case in rovina, vallate sconvolte.

Il Club Alpino Italiano, Gruppo Regionale del Veneto, ha sostenuto, di concerto con la Regione Veneto, lo sforzo della ricostruzione con le comunità montane e i singoli comuni montani, tramite il lavoro dei propri volontari impegnati in particolare nel ripristino della rete sentieristica e nella riapertura dei rifugi alpini in quota. Alla luce dell’esperienza maturata ritiene opportuno promuovere, nel mondo della Scuola e con una motivata attenzione alle giovani generazioni, una iniziativa di informazione e di sensibilizzazione sul rapporto inscindibile di integrazione tra ambiente e cultura che caratterizza la storia della montagna veneta e delle comunità che la popolano.
Lavorando sul raffronto comparativo potranno emergere le somiglianze dei segni impressi sulla montagna veneta, tra gli sconvolgimenti della guerra e quelli della tempesta, i primi provocati dalla volontà di distruzione dell’uomo, i secondi dovuti alla furia di elementi naturali forse però innescata ancora una volta dall’uomo stesso. Si confida, stimolando la partecipazione all’iniziativa, di far maturare conoscenza e memoria storica sugli errori commessi, consapevolezza critica sulle conseguenze delle azioni umane, cultura di pace nella risoluzione e della prevenzione dei conflitti, nonché rispetto verso gli equilibri dell’ambiente naturale percepito come bene collettivo da tutelare per garantire un futuro dell’umanità. 

 

 

 

 

 

Esposizione fotografica itinerante "Montagna Veneta, un territorio lacerato.

Dal bianco & nero al colore"

Una testimonianza di documenti ed immagini sui segni lasciati dalla Grande Guerra e, cent’anni dopo, dalla tempesta Vaia: analogie e differenze tra due disastrosi eventi.

Per i vostri eventi culturali organizzati dalla Sezione, è possibile richiedere al CAI VENETO la possibilità di avere ed esporre la mostra fotografica.

Chiama il 353 426 7361 oppure scrivi a segreteria@caiveneto.it  

Una testimonianza di documenti ed immagini sui segni lasciati dalla Grande Guerra e, cent’anni dopo, dalla tempesta Vaia: analogie e differenze tra due disastrosi eventi.

Per accedere al catalogo della mostra e per capirne anticipatamente i contenuti storico culturali che legano i territori poi disastrati dalla tempesta nel 2018 clicca qui.

 

 

 

 

Il quaderno degli "Itinerari storico-ambientali"

Dopo l’esperienza dell’iniziativa “Gran Tour Grande Guerra”, sempre curata da Cai Veneto, tra i progetti proposti per questa iniziativa della Presidenza del Consiglio dei Ministri, abbiamo voluto proporre una pubblicazione a completamento di quanto proposto nell’iniziativa per i Cent’anni dalla Grande Guerra.
Sono qui raccolti 70 itinerari sul territorio veneto nelle stesse aree colpite dal disastroso evento di Vaia.

È un quaderno a schede staccabili di facile consultazione, ricco di informazioni geografiche, storiche e ambientali. Corredato di mappe, Qr-code per accedere alle informazioni di geolocalizzazione e di consigli utili per la loro percorrenza in sicurezza.
Le aree geografiche presentate riguardano gli itinerari presenti sul:
1- fronte Dolomitico
2- lungo la Linea gialla di difesa
3- il fronte Trentino sull’Altopiano dei Sette Comuni

 

 

 

Il libro "Cent'anni sull'Altopiano"

 

 

 

 

Formazione docenti "Storia e ambiente. 1918-2018: dalla Grande Guerra alla Tempesta Vaia"

• Corso regionale di formazione per insegnanti "Storia e ambiente. 1918-2018: dalla Grande Guerra alla Tempesta Vaia"

7-24 settembre 2021 Belluno, sedi museali diverse, e Dolomiti

• Corso regionale di formazione per insegnanti "Storia e ambiente. 1918-2018: dalla Grande Guerra alla Tempesta Vaia"

7-25 settembre 2021 Vicenza, provincia di Vicenza (sedi museali diverse), Altopiano dei Sette Comuni

 

 

 

 

Concorso per le scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado edlla Regione del Veneto "Venti di guerra, venti di bufera. 1918-2018: uomini e alberi caduti"

 

Il Club Alpino Italiano - Regione del Veneto (CAI VENETO), con il patrocinio dell’Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto e con il sostegno della Regione del Veneto in accordo con la Presidenza del Consiglio dei Ministri, promuove un concorso letterario, grafico e multimediale, aperto agli alunni di tutte le scuole di ogni ordine e grado del Veneto, con l’obiettivo di stimolare gli studenti a riflettere, in maniera creativa, arrivando alla produzione di testi scritti, elaborati grafici, reportage fotografici e brevi filmati, prendendo spunto dalle zone teatro dei cruenti eventi del 1918 della GRANDE GUERRA, interessate nel 2018 dalla devastazione della TEMPESTA VAIA. Si rendono disponibili numerosi premi da destinare alle classi che presentano i migliori lavori che legano i due eventi con soggetti di fantasia e creatività. Tutti gli insegnanti presentatori di elaborati riceveranno le pubblicazioni curate da CAI Veneto per documentare la relazione tra i due eventi.

I partecipanti dovranno sviluppare le analogie, gli effetti e le conseguenze della Grande Guerra messa in relazione con l’evento della Tempesta “Vaia”; nei loro elaborati potranno approfondire, con i mezzi che riterranno più opportuni alcuni tra gli argomenti proposti:

• Esperienze di visitazione: paesaggi e ambienti stravolti

• Il sentimento del territorio devastato

• Interpretazione dei luoghi: si piange la guerra e si piange la distruzione della natura

• Montagne ferite, scavate, esplose dalla guerra, montagne incise e demolite dall’erosione

• Danni della guerra e danni del clima: le colpe dell’uomo

• L'alba dopo la guerra, il risveglio dopo Vaia

• Insieme guardando il futuro per uomini e boschi.

 

AMBITO TERRITORIALE E SCADENZA DEL CONCORSO

Il concorso è aperto agli alunni degli istituti scolastici di ogni ordine e grado presenti nell’ambito della Regione del Veneto. La partecipazione gratuita avviene tramite invio prima della domanda d’iscrizione, entro il 31 marzo 2021, poi con l’invio degli elaborati, entro il termine ultimo del 31 maggio 2021. L’assegnazione dei premi avverrà presumibilmente nel mese di ottobre 2021, comunque non oltre il 31 dicembre 2021.

 

MONTEPREMI

Il montepremi complessivo del Concorso e pari a 5.400,00 euro. La Giuria si riserva di non assegnare il premio alle sezioni che non presenteranno elaborati di qualità soddisfacente. Si riserva pure di ripartire eventuali premi non assegnati o assegnare ulteriori premi sia pure d’importo minore agli elaborati diversi dal primo classificato di ogni sezione o tipologia, ritenuti comunque di apprezzabile qualità. Si riserva infine di segnalare tra gli elaborati non premiati, quelli che presentano caratteristiche rispondenti ai criteri indicati al punto 7.

 

I VINCITORI

Categoria Grafica
SCUOLA PRIMARIA
I° premio - Classe IIa dell’Istituto I.C. 3 Belluno
Scuola Primaria Di Badilet - Belluno

II°premio - Classe 5a dell’Istituto I.C. di Feltre
Scuola Primaria “Vittorino da Feltre”
 
SCUOLA MEDIA
I° premio indiv. - Classe IIIaA dell’Istituto I.C. di Noale
Scuola Media Elisabetta “Betty” Pierazzo

SCUOLA SUPERIORE
I°premio indiv.- Classe IIIaXCT dell’Istituto I.C. di Motta di Livenza
Scuola Superiore ISISS A. Scarpa
 
II°premio indiv.- Classe IIIa Sistema Moda dell’Istituto IIS di S.Donà di Piave
Scuola Superiore IIS Scarpa Mattei

Premio Speciale indiv.- Classe IIIa C dell’Istituto IIS di Asiago
Scuola Superiore IIS Mario Rigoni Stern

 

Categoria AudioVideo
SCUOLA MEDIA
I° premio - Classe IIa B dell’Istituto I.C. 3 Belluno
Scuola Media I.C. 3 - Belluno

II°premio - Classe Ia F dell’Istituto I.C. di Enego
Scuola Media di Asiago - sede di Enego
 
SCUOLA SUPERIORE
I° premio indiv. - Classe Va C del Liceo Scientifico - Vicenza
Liceo Scientifico G. B. Quadri

II°premio indiv.- Classe IIIa A dell’Istituto IIS di Vicenza
Scuola Superiore IIS “Almerico da Schio”

 

Categoria Letteraria
 
SCUOLA SUPERIORE
I° premio indiv. - Classe IIa B del Liceo Linguistico - Chioggia
Liceo Linguistico “Veronese Marconi”

II°premio indiv.- Classe IIa A dell’Istituto ISISS di Oderzo
Scuola Superiore ISISS “Antonio Scarpa”

 

La cerimonia di premiazione SI SVOLGERÀ SABATO 20 NOVEMBRE 2021 a Zelarino, alle ore 15:00 presso AUditorium centro cardinal urbani Via Visinoni 4/C Zelarino (VE)

 

Il concorso